Varietà una parola che a me mette allegria perchè mi ricorda i vecchi spettacoli televisivi del passato che tanto hanno fatto epoca e storia ma vuol dire anche molteplicità e diversità di elementi non incompatibili tra loro. Forse il nome per questo locale è davvero azzeccato all’interno un mix di stili si fondono benissimo tra di loro segno di un’ attenta ricercatezza nell’arredamento pezzi storici che vi faranno andare indietro nel tempo , alla vostra gioventù (se siete stati adolescenti negli anni 80 come me) che vi terranno con lo sguardo all’ insù.

Il locale può essere vissuto in tutti i momenti della giornata dalla mattina per una colazione, al pranzo, all’aperitivo alla cena e al post cena insomma cambia “faccia” a seconda del momento e dell’orario.
Ero molto curiosa di provarlo e credo che sarà una delle sorprese di questo inverno proprio per la sua poliedricità di certo il suo massimo lo raggiunge a cena dove ho scoperto un menù con un’attenta scelta delle materie prime rigorosamente pugliesi che vengono rielaborate in chiave contemporanea e moderna.

Non è un locale adatto a gruppi numerosi e ad adolescenti l’atmosfera al suo interno è pacata e placida, la musica in sottofondo non disturba la conversazione r ciò ha fatto si che io mi sia goduta la mia cena di venerdì sera a chiusura di una settimana lavorativa abbastanza stressante.

Pasteggio con un vino rosato delicato e mi faccio consigliare dal personale di sala cominciando con delle Tapas Pugliesi “le Borbonesi” , delle pizzette artigianali con tonno rosso, bufala, acciughe, rucola e millepunte di olive taggiasche. In realtà più che pizzette sono delle focaccine bianche soffici buone ma le ho trovate un  complicate da “addentare” perchè gli ingredienti erano posti uno sull’altro infatti mi sono caduti tutti nel piatto e a quel punto per mangiarla l’ho scomposta a modo mio. La sapidità dell’acciuga è un  smorzata dalla bufala  quindi non abbiate timore ad ordinarle, per mio gusto personale io avrei preferito qualcosa di ancora più delicato come le Gallipoline che magari avrò modo di ordinare la prossima volta ma sono contenta di aver provato queste poichè è un abbinamento particolare e diverso dal solito.
Uno dei piatti che invece ha subito colpito il mio immaginario culiario è il Tonno Macco che pur essendo proposto come antipasto lo potete sostituire ad un secondo. Tonno rosso crispy su macco di ceci di Altamura, uva regina, peperoni cornaretti, cipolla caramellata di Acquaviva, vin cotto e pomodoro.
A leggere gli ingredienti credetemi non sapevo davvero cosa mi potesse aspettare ed invece un piatto che mi ha molto sorpresa, l’uva e i ceci non pensavo che potessero sbalordimi così tanto. Quello che gira intorno al tonno (peraltro impanato gustoso e delicato) prende il sopravvento e diventa il reale protagonista lasciando quello che doveva essere il principale attore in secondo piano.
Se lo ordinate vi consiglio di prendete un  tutti gli ingredienti e assaggiarli insieme per meglio comprendere gli abbinamenti.

Non sono solita invece ordinare la pasta di sera ma la Nerano al gambero rosso cioè orecchiette cacio e pepe con zucchine fritte alla poverella, menta e tartare di gambero rosso di Gallipoli in purezza non volevo farmele scappare anche perchè era da una vita che cercavo di mangiare una nerano.

Bel colpo d’occhio un piatto ben fatto e ben impiattato, c’è da dire che la crema cacio e pepe mi è molto piaciuta, le orecchiette non erano al dente ma neanche scotte (per me perfette perchè odio la pasta al dente scusate!) ma il piatto era bello cremoso  e armonico avrebbe raggiunto il massimo se le zucchine fossero state ancora più croccanti. Sta di fatto che l’ho divorato e lo riprenderei nuovamente.

Per chiudere in bellezza mi sono messa al lavoro si avete capito bene perchè da Varietà il dolce lo potete creare voi. Ordinate le dita degli apostoli e sarete voi a decorare i vostri cannoli, con ricotta andriese, gocce di cioccolato, pistacchio e arancia candita. Bellissimo mi è piaciuto molto tra l’altro è un dolce che può essere condiviso con tutti ed è altamente consigliato fare un video mentre li farcite…

Mi sono davvero sentita bene e a mio agio in questo locale, bella gente, buon cibo personale pronto e attento credo che ne sentiremo molto parlare.
E’ l’ ideale anche per un buon aperitivo se non volete cenare per fare quattro chiacchiere in pace, ha una location da fare invidia non solo per com’è strutturato al suo interno ma soprattutto perchè si trova accanto al Petruzzelli in quella che considero la zona più “trendy” in questo momento in città e sposo in pieno la scelta di essere sempre aperto e di non essere solo un locale serale così chiunque può avere l’opportunità di provarlo.